Search post, tags and authors
CryptoLatam: Navigare nel Mondo delle Criptovalute in America Latina

CryptoLatam: Navigare nel Mondo delle Criptovalute in America Latina

By Oreld Hadilberg
Reviewed by Tony Spilotro

Indice dei contenuti

Introduzione

Nel campo digitale, gli asset crittografici brillano come pionieri di una nuova era, sfidando le norme consolidate. Dalle regioni più meridionali agli angoli più settentrionali, milioni di latinoamericani e cittadini dei Caraibi optano per questi asset come alternativa moderna e vantaggiosa per gestire le proprie finanze. L'America Latina si trova di fronte a significative sfide economiche, contrassegnate da una marcata disparità di ricchezza secondo i dati della Banca Mondiale.

La disparità economica, aggravata da fattori come il lavoro informale e la povertà, genera frustrazione, violenza e diffidenza verso le istituzioni governative. In questo contesto, l'industria delle criptovalute emerge come un agente trasformativo, con l'obiettivo di democratizzare l'accesso ai servizi finanziari. Queste valute digitali decentralizzate offrono transazioni veloci, sicure e trasparenti, sfidando i sistemi tradizionali che non riescono a soddisfare le esigenze della popolazione latinoamericana.

Regolamentazione delle Criptovalute in America Latina

Uruguay: Nel 2018, la Camera di FinTech uruguaiana ha istituito una Commissione delle Criptovalute per stabilire un quadro regolatorio specifico. Nel dicembre 2022, è stato approvato un disegno di legge per regolamentare le criptovalute da parte della Camera dei Deputati, in attesa di promulgazione sotto la supervisione della Banca Centrale dell'Uruguay (BCU). Il progetto include i fornitori di servizi di asset virtuali sotto la supervisione della BCU, imponendo requisiti obbligatori per le aziende di criptovalute.

Brasile: Nel 2022, il Brasile ha promulgato la Legge Bitcoin, diventando uno dei pochi paesi con regolamentazioni specifiche. Essa istituisce un'agenzia federale per regolamentare le aziende di cripto-asset e concede licenze per "servizi virtuali". La Commissione per la Borsa del Brasile (CMV) sovraintenderà agli asset digitali considerati come titoli. I fornitori di servizi hanno 180 giorni per conformarsi e possono operare solo con l'autorizzazione governativa.

Bolivia: Nel 2014, la Bolivia è diventata il primo paese dell'America Latina a vietare gli asset cripto, citando la mancanza di quadri regolatori e rischi associati. La Banca Centrale della Bolivia ha ribadito il divieto più volte fino al 2022.

Messico: Nel 2018, il Messico ha promulgato la Legge Fintech, obbligando la Banca del Messico a regolamentare le criptovalute. La legge non limita i fornitori di servizi di criptovalute, ma stabilisce requisiti per le istituzioni finanziarie che utilizzano la tecnologia.

Paraguay: Nel 2021, il Senato ha approvato un disegno di legge per regolamentare le criptovalute, mirando a sicurezza legale e fiscale. Tuttavia, è stato veto nel 2022 e successivamente accantonato a causa di dissidi in Parlamento.

Perù: Il Congresso peruviano sta dibattendo il disegno di legge Quadro di Marketing degli Asset Cripto. Sebbene non vieti le operazioni con criptovalute, c'è un vuoto legale nella sua regolamentazione e le entità statali mettono in guardia sui rischi e il riciclaggio di denaro.

Ecuador: Nel 2022, l'Ecuador ha promulgato la Legge Fintech per fornire sicurezza legale alle società di tecnologia finanziaria, escludendo le criptovalute dal testo finale per paura di destabilizzare il sistema finanziario.

Colombia: Nel 2021, l'UIAF ha emesso una risoluzione obbligando gli scambi a segnalare le transazioni. Nel 2022, la Camera Bassa ha approvato un disegno di legge per garantire l'autonomia agli utenti di asset cripto e stabilire regolamentazioni per gli scambi.

Cile: Nel 2023, il Cile ha promulgato la Legge Fintech per regolamentare i servizi finanziari, inclusi gli asset cripto. La Commissione per il Mercato Finanziario (CMF) sovraintenderà al rispetto, stabilendo obblighi per le aziende fintech.

Panama: In Panama, un disegno di legge sulle cripto cerca di regolamentare bitcoin ed ether, proponendo il loro utilizzo come metodo di pagamento globale. Dopo modifiche e veti, rimane oggetto di dibattito e critica.

Venezuela: Nel 2018, il Venezuela ha emanato un decreto per regolamentare gli asset cripto, creando entità come SUNACRIP. Nel 2022, la Legge Fiscale è stata riformata per tassare le operazioni con asset cripto.

El Salvador: Nel 2021, El Salvador è diventato il primo paese a accettare il bitcoin come valuta ufficiale tramite la Legge Bitcoin, stabilendo regolamentazioni e misure complementari per l'ecosistema.

Argentina: Nonostante la mancanza di regolamentazione centrale, l'Argentina impone tasse sulle criptovalute e richiede relazioni. Nel 2022 è stato presentato un progetto di legge per dichiarare gli asset non divulgati.

Honduras: Quest'anno, l'Honduras ha adottato il bitcoin come mezzo di pagamento e regolamento.

Fattori che favoriscono l'accettazione delle criptovalute in America Latina.

Secondo coinmap, attualmente Brasile, Argentina, Colombia ed Ecuador sono tra i paesi con la maggiore adozione di criptovalute.

Problemi di Inflazione: La regione sperimenta un'inflazione diffusa, che diminuisce l'attrattiva delle valute fiat convenzionali. Le criptovalute, con la loro offerta limitata, si dimostrano più resistenti all'inflazione. In paesi come il Venezuela, con un'iperinflazione che supera il 10.000%, le criptovalute emergono come un'opzione più attraente per preservare il valore e effettuare transazioni.

Instabilità Politica: Le criptovalute forniscono un mezzo per conservare il valore senza essere soggette a interventi governativi. L'instabilità politica è una caratteristica comune nella regione e in alcuni paesi come il Venezuela e il Nicaragua, il governo ha confiscato i risparmi dei cittadini. Le criptovalute offrono un modo per evitare questo rischio, poiché non sono controllate da nessuna entità governativa.

Inclusione Finanziaria: Le criptovalute possono offrire opportunità a coloro che non hanno accesso ai servizi finanziari convenzionali, consentendo loro di partecipare all'economia. L'inclusione finanziaria è una sfida in America Latina, dove circa il 50% della popolazione non ha accesso a conti bancari. Le criptovalute forniscono un'alternativa per effettuare transazioni finanziarie senza la necessità di un conto bancario. Questi fattori hanno stimolato l'interesse e l'adozione delle criptovalute nella regione latinoamericana, fornendo soluzioni alle sfide economiche e politiche affrontate da molti dei suoi abitanti.

Vantaggi dell'Adozione delle Criptovalute in America Latina

Miglioramento della Qualità della Vita per gli Utenti: L'adozione di queste valute per i sistemi di scambio rappresenta uno scenario di libero accesso dove, non essendo legate all'economia o alla politica di un paese, possono essere trasferite istantaneamente a qualsiasi individuo o entità in qualsiasi parte del pianeta; è una valuta globale.

Opportunità di Business: Le criptovalute offrono opportunità di business a causa della loro volatilità; i loro prezzi possono variare significativamente da un giorno all'altro, fornendo un asset ad alto rischio con alti rendimenti.

Decentralizzazione: A differenza delle valute tradizionali, le criptovalute sono "decentralizzate", il che significa che non sono regolate da alcun organo governativo. Operano 24 ore su 24 su diverse borse globali.

Transazioni Trasparenti: Le transazioni e le operazioni con criptovalute sono registrate in un registro condiviso che fornisce informazioni accurate al mittente, garantendo sicurezza e fiducia per operazioni continue.

Riduzione dei Costi di Infrastruttura: I costi di infrastruttura per le banche potrebbero diminuire di 15-20 miliardi di dollari entro il 2022, ridirigendo quei soldi per migliorare i meccanismi digitali e implementare modelli su larga scala. Considerando che oltre il 20% delle aziende di servizi finanziari sono Fintech, migliorare le loro condizioni è altamente necessario dopo la pandemia.

La crescita delle aziende cripto in America Latina

In mezzo al "boom globale delle transazioni digitali", le piattaforme di cripto-asset in America Latina e nei Caraibi hanno registrato una crescita significativa dal 2016 e si sono più che raddoppiate entro il 2022, come evidenziato da un rapporto del Cambridge Centre for Alternative Finance (CCAF) e della Banca Interamericana di Sviluppo (IDB). Il rapporto, intitolato "Ecosistema dei Cripto-Asset in America Latina e nei Caraibi", sottolinea che queste aziende stanno evolvendo in fornitori completi di tecnologia finanziaria (Fintech), fungendo da punto unico per investitori, consumatori e aziende. Il rapporto, basato sulle risposte di 52 aziende private e 31 istituzioni pubbliche nella regione, evidenzia che circa 100 aziende hanno la loro sede operativa o la casa madre in America Latina.

Riguardo alla distribuzione di queste aziende Fintech di cripto-asset nella regione, il rapporto sottolinea la loro natura disuguale, anche se vi è una concentrazione nei centri economici del Brasile (15), dell'Argentina (11) e del Messico (10). Inoltre, destinazioni esotiche come le Isole Vergini britanniche e le Isole Cayman compaiono anche nella lista dei paesi in cui sono state fondate aziende di cripto-asset, probabilmente a causa dei vantaggi fiscali offerti a queste entità.